FAQ

L’Internet of Things (IoT) è l’espressione con cui si indica l’interconnessione di oggetti di uso quotidiano attraverso tecnologie diverse: RFID, tag NFC, sensori, attuatori, Internet e mobile. L’IoT comincia ad avere un impatto significativo in diversi ambiti della vita quotidiana: l’automazione domestica (domotica), l’assistenza domestica, la telesanità, l’infomobilità, i pagamenti elettronici, l’asset management, solo per citare alcuni degli esempi più conosciuti
I blocchi fondamentali dell’IoT sono i cosiddetti “Smart object”: si tratta di oggetti di uso comune dotati di nuove funzionalità grazie a sensori, microprocessori, attuatori e connessione in rete. La forma più semplice di Smart object è un oggetto che contiene (o ha attaccato) un tag RFID o NFC. Gli Smart Poster sono tipici esempi di Smart object
  • L’NFC (Near Field Communication) è una tecnologia per la connettività wireless a corto raggio, basata su una serie di standard che in maniera semplice ed intuitiva abilitano una comunicazione bidirezionale tra due dispositivi elettronici
  • I due dispositivi possono essere entrambi attivi, oppure uno attivo e uno passivo
  • Le applicazioni vanno dalle transazioni contactless, all’accesso e scambio di dati, dalla lettura di tag NFC al setup di comunicazioni wi-fi o bluetooth
  • L’NFC opera ad una frequenza di 13.56 MHz con velocità di trasmissione comprese tra 106kbit/s e 848kbit/s. L’NFC prevede sempre un dispositivo come iniziato e uno come target, dove l’initiator genera la radiofrequenza che attiva il target passivo
  • La tecnologia NFC prevede 3 modi di funzionamento:
    • Reader/writer, in cui un dispositivo attivo (per esempio il cellulare NFC) legge e scrive un dispositivo passivo (tag NFC) o legge un dispositivo attivo usato in modalità card emulation
    • Peer-to-peer (P2P), in cui due dispositivi attivi (per esempio due smartphone) scambiano informazioni e messaggi
    • Card emulation, in cui un dispositivo attivo, per esempio uno smartphone, si comporta come un tag NFC e può essere letto da un dispositivo attivo (per esempio un POS o un gate apriporta)
  • Tutti i dispositivi NFC (smartphone, reader e tag) sono basati su standard ISO/IEC (open platform technology) ed ECMA
  • Lo standard principale della tecnologia NFC è l’NFC Interface Protocol-1 = ISO/IEC 18092 / ECMA – 340
  • Inoltre, i dispositivi NFC sono compatibili con:
    • ISO/IEC 14443 (lo standard della tecnologia contactless)
    • FeliCa (tecnologia Sony da cui è derivata l’NFC)
  • Gli standard definiscono:
    • Gli schemi di modulazione del segnale RF
    • La codifica
    • Le velocità di trasferimento
    • Il format dell’interfaccia RF
    • Gli schemi di inizializzazione
    • Il controllo anticollisione
    • Il controllo del trasporto (attivazione + scambio)
  • Accanto agli standard ISO ci sono le specifiche tecniche fornite dall’NFC Forum: un’organizzazione no-profit di settore, cui aderiscono i maggiori player dell’NFC, la cui missione è quella di promuovere l’uso della tecnologia NFC sviluppando specifiche tecniche, verificando l’interoperabilità dei dispositivi e dei servizi, e favorendo la diffusione dell’NFC tra i consumatori.
  • Un tag NFC è un dispositivo passivo (cioè che non richiede alimentazione elettrica) su cui sono memorizzati dei dati che possono essere letti con un dispositivo NFC attivo, per esempio uno smartphone
  • I tag NFC possono avere forme diverse: adesivi, etichette, dischi, portachiavi, bracciali, strisce, etc. Possono avere anche la forma di tessere plastiche come quelle utilizzate per le carte di credito, per le tessere fedeltà, etc.
  • Il prezzo dei tag NFC dipende dalla forma e dalla quantità acquistata. Per semplici tag adesivi, ordinati in grande quantità, il prezzo può scendere fino a 0,2 ÷ 0,3 euro. Sono comunque attese riduzioni di prezzo via via che la tecnologia si diffonderà
  • È un dispositivo NFC che può leggere/scrivere dei tag NFC e può comunicare con uno smartphone in modalità P2P. Diversamente da un tag NFC, che è un dispositivo passivo, un reader NFC è un dispositivo attivo che necessita di una alimentazione elettrica per funzionare
  • Tipicamente, un reader NFC ha una connessione USB o seriale (RS232) per essere collegato ad un PC o per esser utilizzato come dispositivo embedded (per esempio in una macchina per i biglietti oppure in una vending machine)
  • Un esempio di reader NFC può essere il comune POS (point of sale) che viene usato per i pagamenti. La nuova generazione di POS contactless comincia ad essere integrata con lo standard NFC, sia quello ISO 14443, sia quello ISO 18092. In questo modo è possibile abilitare i pagamenti elettronici usando un cellulare NFC invece delle carte di plastica
L’NFC Forum Data Exchange Format (NDEF) è la specifica fornita dall’NFC Forum con lo standard del format per incapsulare un contenuto nei messaggi scambiati tra due dispositivi NFC. Questo formato è usato sia per scrivere un contenuto su un tag NFC, sia per scambiare messaggi tra due dispositivi in modalità P2P
  • In base alla definizione dell’NFC Forum, gli Smart Poster sono oggetti su cui sono apposti (o in cui sono contenuti) uno o più tag NFC che contengono messaggi NDEF
  • Perciò uno Smart Poster può avere forma qualsiasi, può essere un poster, una pagina di giornale, ma anche un oggetto della vita quotidiana come una penna, uno schedario, la scatola di un prodotto, etc.
  • Gli Smart Poster possono avere infinite applicazioni, per esempio nel retail, nei trasporti, nel marketing, nella santità e ovunque c’è la necessità di disseminare e condividere informazioni
  • Ci sono diversi vantaggi nell’utilizzo degli Smart Poster, per esempio in termini di costi rispetto ad altri mezzi di comunicazione, facilità e flessibilità nell’implementazione, possibilità di ottenere dei feedback e interattività tra servizio e utente (grazie anche all’interfaccia utente dello smartphone)
  • Alcune idee per gli Smart Poster sono: promozione di nuovi prodotti e servizi, raccolta di informazioni dagli utenti, distribuzione di coupon digitali, fornire informazioni agli utenti sulle specifiche di un prodotto. Grazie agli Smart Poster è possibile collegare ad un prodotto un’azione, per esempio la possibilità di acquistare il prodotto quando si tocca lo Smart Poster con il telefono NFC
  • Visto che si tratta di una tecnologia pensata in primo luogo per i pagamenti, la sicurezza è un aspetto particolarmente critico per l’NFC
  • Innanzitutto, l’NFC ha una sicurezza intrinseca a livello hardware: essendo una tecnologia di prossimità, il cui range tipico di funzionamento è di pochi millimetri, è molto difficile da intercettare a distanza
  • Inoltre, per applicazioni particolarmente critiche sul versante della sicurezza, come i pagamenti, è previsto che i dati sensibili (per esempio le credenziali di una carta di credito) possano essere memorizzate nel cosiddetto Secure Element (SE), cioè un’area di memoria accessibile in determinate condizioni che può trovarsi: (a) nel microchip del telefono (embedded SE), (b) nella SIM del telefono (SIM-based SE) e (c) su un supporto rimovibile (per esempio una scheda MicroSD)
Un beacon è un dispositivo che trasmette un segnale che permette a un altro dispositivo (per esempio uno smartphone) di determinare la sua vicinanza al beacon stesso. Un beacon non trasmette contenuti, trasmette semplicemente un segnale che permette ad uno smartphone o un tablet di sapere che si trova nel raggio d’azione del beacon. Il contenuto (un coupon, per esempio) è inviato separatamente – per esempio attraverso una connessione wi-fi – sull’app dell’utente
È una specifica del Bluetooth (Bluetooth SIG) tradizionale utilizzata dai beacon. Il BLE ha il vantaggio di utilizzare poca energia (quindi può essere utilizzato in dispositivi alimentati a batteria) e di essere nativo nella maggior parte degli smartphone e dei tablet
I termini iBeacon e Beacon sono spesso usati come sinonimi. Ma iBeacon è un marchio registrato di Apple e si riferisce a protocolli, dispositivi ed utilizzi del BLE per creare nuovi servizi. Apple è ancora molto vaga su ciò che intende per iBeacon, ma nel sistema operativo iOS7 c’è già il supporto per tale tecnologia
Sul mercato esistono già dei dispositivi Beacon che Peachwire utilizza per le sue soluzioni sia in ambiente iOS che in ambiente Android
  • Il grafico in basso mostra la posizione della tecnologia NFC rispetto alle altre tecnologie di connettività presenti su un cellulare
confronto_tecnologie_nfc
  • La tecnologia NFC è stata pensata specificatamente per stabilire una connessione istantanea tra due dispositivi, con un basso consumo di energia (15mA in read mode) e a corto range (pochi millimetri). Il tempo di connessione è circa 60 volte minore di quello del bluetooth
  • A differenza del bluetooth e del wi-fi, i dispositivi NFC possono leggere i tag, che non hanno bisogno di essere alimentati da fonti esterne. Ciò permette molti usi innovative nell’ambito dell’IoT
  • Quando lo scambio di dati richiede velocità di trasferimento maggiori (come nel caso di file multimediali), l’NFC può gestire l’handover per attivare una connessione wi-fi in maniera automatica e intuitiva
  • Il bluetooth e il wi-fi permettono a due dispositivi di comunicare tra di loro ma, rispetto all’NFC, hanno bisogno di essere impostati: network ID e password per il wi-fi, pairing e password per il bluetooth
  • Difatti, l’NFC non richiede alcuna impostazione, ciò lo rende estremamente semplice ed intuitivo
  • I tag NFC e gli Smart Poster sono una evoluzione, con caratteristiche migliorative, del QR code
  • Rispetto al QR code, gli Smart Poster hanno una maggiore affidabilità perché sono più difficili da manipolare e manomettere, hanno una maggiore robustezza soprattutto se usati in ambienti avversi come all’aperto, sono più intuitivi da usare perché basta poggiare il telefono per avviare l’azione (con il QR code invece occorre avviare l’applicazione e inquadrare correttamente il codice per far partire l’azione)
  • Tra gli svantaggi dell’NFC rispetto al QR code ci sono i costi e la necessità di disporre di un tag NFC per utilizzare uno Smart Poster (mentre il QR code può essere stampato semplicemente su un foglio di carta)
A parte la diversa tecnologia fisica, la differenza principale sta nella distanza di interazione: l’NFC può essere rilevato a distanze di pochi millimetri, mentre il Beacon ha un raggio d’azione che può arrivare a diverse decine di metri. Inoltre, allo stato attuale, la tecnologia NFC è supportata solo da Android e da Windows8, mentre la tecnologia Beacon è supportata anche da iOS