Beacons

Basati sulla tecnologia Low Energy Bluetooth (BLE), questi dispositivi creano un “campo” bluetooth (caratterizzato da un ID univoco), anche a distanze di diverse decine di metri, per segnalare la loro presenza a qualunque dispositivo mobile si trovi all’interno di questo campo. In base all’applicazione presente sullo smartphone o sul tablet si accede ad un determinato servizio. Questa tecnologia è stata introdotta da Apple (e successivamente da Google) per applicazioni di marketing e per i pagamenti nel settore retail. Gli iBeacon di Apple sono definiti come un indoor positioning system che permette, utilizzando almeno 3 dispositivi, di effettuare una triangolazione e individuare la posizione dello smartphone in un luogo chiuso.

Peachwire ha già sviluppato una prima soluzione per il marketing di prossimità disponibile sia per iOS che per Android.